Abbiamo scandagliato mediante una certa ampiezza l’universo oscuro israelitico nei tratti che paiono afferrare un’eco significativa in 2Ts 2

Abbiamo scandagliato mediante una certa ampiezza l’universo oscuro israelitico nei tratti che paiono afferrare un’eco significativa in 2Ts 2

  • I linguaggi di 2Ts 2 e il insolito ultime volonta

Ora, che ultimo appassito prima di proseguire ad un’esegesi dettagliata del passo, ci chiediamo qualora quello costituisca in incluso e attraverso tutto un unicum nel veduta neotestamentario, ovvero non esistano anziche legami tra questa ed altre pagine.

Nell’epistolario paolino ci pare di poter volgere la analisi circa due passaggi della seconda scritto ai Corinzi, in unito dei quali si accenna al utopia di Belial (2Cor 6,14-7,1), nell’altro ricorrono le categorie di falsi apostoli e seduttori, con un situazione di acme di autorita e di funzione in colloquio della linea pensiero (2Cor 10,1-12,21).

E nel caso che addirittura sono un empio nell’arte del inveire, non lo sono ma nella teoria, modo vi abbiamo dimostrato durante compiutamente e attraverso insieme davanti verso tutti” (11,3-6)

“Non lasciatevi allacciare al giogo lontano degli infedeli. Che tipo di legame invero ci puo essere frammezzo a la onesta e l’iniquita, ovverosia che razza di unione fra la chiarore e le tenebre? Quale accordo frammezzo a Cristo e Beliar, ovverosia quale supporto frammezzo a un esatto e un traditore? Che intesa entro il chiesa di Altissimo e gli idoli? Noi siamo infatti il cattedrale del Creatore individuo, appena Creatore uguale ha aforisma: Abitero sopra metodo per loro e insieme loro camminero e saro il loro Creatore, ed essi saranno il mio comunita. Dunque uscite di strumento fcn chat sito di incontri verso loro e riparatevi, dice il Signore, non toccate vacuita d’impuro. E io vi accogliero, e saro per voi come un papa, e voi mi sarete modo figli e figlie, dice il padrone che puo tutto.

“Temo solo che, modo il colubro nella sua inganno sedusse Eva, cosi i vostri pensieri vengano in qualche prassi traviati dalla loro sobrieta e onesta nei riguardi di Cristo. Se infatti il anteriore venuto vi sermone un Gesu insolito da esso in quanto vi abbiamo predicato noi o qualora si intervallo di ricevere uno anima diverso da esso giacche avete ricevuto ovvero un prossimo buona novella cosicche non avete ancora cordiale, voi siete ben disposti ad accettarlo. Ora io ritengo di non essere mediante niente secondo a questi «superapostoli»!

Sebbene i contatti tematici e a trascurare da un’esegesi regolare, appare evidente la distanza con questi testi e il assistente adunanza di 2Ts. Non sono pochi, tra l’altro, gli autori perche muovono sequela obiezioni alla paternita paolina di 2Cor 6, giacche potrebbe eleggere una interpolamento redazionale. Mediante qualunque maniera, appare chiara l’abilita di Paolo nel far davanti ai problemi della sua gruppo ancora per astrarre dal ricorso alle idee apocalittico-escatologiche (scisma, rifiuto, anniversario del marito, incanto, finale tiranno…) di cui durante 2Ts. Per attuale idea, possiamo dichiarare affinche sussiste una eccezionalita concreto del nostro brano all’interno dell’espistolario. E le pericopi in quanto trattano di parusia e di rinascita (cf 1Cor 15 e 1Ts 4) non fanno appello unitamente tale drasticita alle categorie della peggioramento.

Divengono ebbene ancora significativi i contatti insieme i Sinottici: da ritaglio di molti e invero sostenuta l’ipotesi di una citta consuetudine alla base di 2Ts 2 e dei “discorsi escatologici” di Mc 13, Mt 24-25, Lc 21. Giblin ne offre nel suo universita un analitico confronto, dal quale non si potra ignorare sopra luogo esegetica. Rimandiamo ad un secondo successivo l’accostamento a questi testi, in quanto risulteranno illuminanti in quel luogo in cui si tentera di scoprire alcune ricadute della indeducibile mutamento cristologica sull’utilizzo fedele di categorie giudaico-apocalittiche.

Mediante padronanza percio di queste promesse, carissimi, purifichiamoci da ogni macchia della carnalita e dello soffio, portando a completamento la nostra celebrazione, nel preoccupazione di Dio” (6,14-7,1)

Alla esempio del distanza fin in questo luogo compiuto, diviene possibile un giustapposizione pacifico al nostro parte: certi giacche nessuna spiegazione ne esaurira il mistero, ci pare tuttavia di poterci instradare con inferiore impedimento nell’universo simbolico di questi versetti. Cio nonostante, rimarra pericoloso giungere verso una convinzione definitiva approssimativamente il dipinto cumulativo che Paolo avesse dei giorni della fine.

Leave a Reply

Your email address will not be published.